www.stellatasca.bigcartel.com

...........................................................

                                                               "MATRIOSKE" - group exibition-

 

                                                           dal 18 Gennaio 2021 al 06 Febbraio 2021

 

                                                                      -GALLERIA AFNAKAFNA-

                                                                       a cura di Antonella Caraceni

Via della Fontana 19-20

 tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00

SITO UFFICIALE: http://www.afnakafna.com

 

La mostra curata da Antonella Caraceni propone le opere di 20 artisti che hanno interpretato decorato o reinventato l’idea di Matrioska.
La bambola di legno, probabilmente più famosa del mondo, che contiene al suo interno altre bambole più piccole, diviene spunto per la creazione di nuove opere. Gli artisti hanno scelto liberamente se dipingere dei quadri, farne delle sculture oppure dipingere delle matrioske di legno.
Con la sua rotonda capacità di accogliere e di moltiplicarsi la Matrioska diviene a volte madre e a volte anello di congiunzione. Copia di sé stessa o evoluzione, replica o sorpresa inaspettata, la matrioska come un luogo dove nascondersi oppure dal quale fuggire. Tante e diverse le strade percorse dagli artisti, tutte però pervase da quella dose di stupore un po’ infantile che le Matrioske non mancano mai di provocare.

Visto il perdurare della situazione di attenzione dei contagi da Covid19 la galleria non organizzerà l'evento per il vernissage, ma vi aspetta nel consueto orario di apertura.
Le vendite si svolgeranno anche online sul sito.

 

In mostra opere inedite di:
Æno, Alessandro Marziano, Angelo Barile, Antonella Caraceni, Beniamino Leone, Corine Perier, Cristina Bazolli, Daria Palotti, Ixie Darkonn, Lidia B, Marta Cavicchioni, Mauro Molle, Neirus, omino71, Rebecca J, Stefano Bolcato, Stefano Zattera, Stella Tasca, Valentina Zummo, Veronica Chessa.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

                                                           "SHOWLAND" - solo exibition-

 

                                                                             dal 18 al 21 Giugno

 

                                                                 -FONDAZIONE MARCO BESSO-

 

                                                         a cura di Marta Bendini ed Elettra Bottazzi

Showland è una fiera di colori, una mostra, un percorso che racconta la produzione di Stella Tasca dal 2006 ad oggi.
Negli anni, l’artista romana ha sviluppato una poetica e un linguaggio in costante relazione con il contesto politico,
sociale e storico.
Molti dei suoi progetti, a partire dai primi come Pirate your Governmet e A new nesting dolls, fino al più recente On the
wild side (ultima mostra personale alla galleria Parione9), toccano tematiche legate alla realtà che ci circonda con il fine
di sensibilizzare ed educare il pubblico attraverso una propria visione soggettiva, unita ad uno stile pop con influenze
dell’immaginario hardcore punk.
I suoi lavori, siano essi i poster che ritraggono persone dell’ambiente artistico romano o le matrioske, simbolo
dell’iconografia russa, sono impiegati, pensati e realizzati in maniera provocatoria rispetto alle contraddizioni della
situazione politica, sociale e ambientale odierna.
L’evoluzione nel tempo della tecnica e delle scelte stilistiche hanno portato l’artista a sperimentare e a utilizzare diversi
materiali, dal tessuto alla serigrafia, dalla pittura alla scultura.
Dai primi arazzi del 2006 alle matrioske in stoffa, fino ad opere più recenti realizzate con tessuti di recupero, Showland
rivela l’essenza di Stella Tasca, permettendoci di entrare immediatamente nel suo mondo vivace e colorato.

.....................................................................................................................................................................................................................................

                             "ARTIFICAE PLANTAE"  -group exibition-

                           

                                                                                          dal 26 Aprile 2019

 

                                                                                      -AFANAKAFNA-

                                                                     palestra d'arte

..........................................................................................................................................................................................

                            "SANTI, SORTE E CAVALIERI"- solo exibition-

                                           AMANEI - Salina-    

                               - residenza d artista-

                                                                                      Giugno 2019

                       

Durante la sua residenza ad Amaneï, Stella Tasca realizzerà diverse matrioske (elemento caratteristico della sua produzione artistica) ispirate al carretto siciliano: uno dei simboli per eccellenza dell'iconografia folcloristica, in uso in tutta la Sicilia dal XIX secolo fino alla seconda metà del XX secolo. Il carretto, usato nei lavori di campagna o per il trasporto merci, veniva spesso fregiato da intagli bucolici e sgargianti decorazioni. I decori sul legno, realizzati oltre che per fini di promozione mediante l’uso di colori vivaci, agivano soprattutto come portafortuna e, attraverso le scene raffigurate (fatti storici, parabole religiose, gesta cavalleresche, leggende o miti antichi), si credeva allontanassero la malasorte per garantire prosperità al proprietario e alla sua famiglia.

I colori accesi del lavoro di Stella Tasca, fissati sulla superficie delle matrioske attraverso stencil e bombolette spray, trovano qui un forte legame con quelli della cultura figurativa siciliana. A tutto ciò si aggiunge la simbologia insita dell’artefatto russo che, unita alla potenza emotiva scaturita dai luoghi unici della tradizione eoliana e siciliana, tramuta le opere di Tasca in portafortuna e oggetti di protezione. Così, le scene e le storie create dall’artista assumeranno un valore protettivo e di buon auspicio anche al pubblico in visita ad amaneï.

.................................................................................................................................................................................................................................

                                 "READY-MADE"    -group exibition-

                                                                          10-11-12-13 Aprile 2019

                       

                                                                                 MACRO ASILO

PABLO ECHAURREN E "COMITATO PER L'ARTE INESPRESSA" PRESENTANO LA GIORNATA MONDIALE DEL READY MADE

SALONE DEI FORUM

10 aprile 2019

Il 10 aprile 1917 si inaugurava a New York la grande mostra della Society of Independent Artists in cui, per la prima volta, non fu esposto il celebre Ready Made di R. Mutt (alias Marcel Duchamp) "Fountain". 

La mostra, che per statuto non poteva rifiutare alcuna opera, ritenendo l’orinatoio di R. Mutt (regolarmente iscritto) “volgare, scioccante, indecente”, si limitò a non esporlo occultandolo, dimenticandolo dietro un tramezzo.

Nella giornata del 10 aprile si invitano perciò tutti gli artisti, i non-artisti e gli anartisti a portare presso la sede del Macro Asilo un loro personale Ready Made (indicando il giorno e l’ora in cui è avvenuta l’identificazione). 

Verrà loro consegnato un certificato di registrazione emesso dall’Archivio Generale del Ready Made e dell’Arte Inespressa. 

Il Ready Made in questione resterà esposto per tre giorni in un’apposita sala del museo.

È impossibile sapere quanti ready made restano allo stato latente e vanno ancora estratti dall’anonimato delle officine, dal buio delle cantine, dalla banalità dei ferramenta. La Giornata Mondiale del Ready Made intende mettere fine a questo inutile spreco di “ricchezza” sociale restituendo alla condizione di opera d’arte un’infinità di manufatti altrimenti misconosciuti.

Ready Made secondo la definizione che ne diede André Breton è un 

«oggetto usuale promosso alla dignità di oggetto artistico dalla semplice scelta dell'artista».